Il segreto delle cellule staminali

Pionieri nell'industria cosmetica grazie alle loro ricerche sulle cellule staminali della pelle e dei capelli, i team della divisione Ricerca & Innovazione L'Oréal si sono ispirati alle loro conoscenze sulle cellule staminali per mettere a punto nuove strategie anti-età.

Coltura di cellule staminali
Coltura di cellule staminali
Coltivato in vitro, un singolo cheratinocita staminale dell'epidermide può produrre oltre 100 miliardi dicheratinociti, ovvero l'equivalente della superficie cutanea di 1.000 adulti!

Un serbatoio di innovazione

La nostra pelle presenta vari tipi di cellule staminali adulte, che consentono il rinnovamento dell'epidermide, del derma, dei capelli e delle unghie, permettono la formazione del tessuto cicatriziale e riparano la pelle in caso di aggressione. Tali cellule, rare ma dotate di un notevole potenziale proliferativo, sono estremamente interessanti per l'industria cosmetica. I ricercatori L'Oréal le hanno studiate a lungo e hanno avviato numerose collaborazioni in quest'ambito con team scientifici internazionali. Il loro obiettivo? Elaborare nuove strategie per prevenire e trattare l'invecchiamento della pelle in modo più efficace e, in futuro, mettere a punto nuove applicazioni nel settore della bellezza.

Proteggere per rigenerare


Cellule staminali

I progressi decisivi già compiuti in questo campo costituiscono una risorsa fondamentale per i ricercatori L'Oréal. Per lottare contro l'invecchiamento della pelle, questi ultimi si adoperano per preservare l'ambiente delle cellule staminali, allo scopo di aumentare il loro potenziale rigenerativo, che diminuisce con l'età. Di conseguenza, i ricercatori sono riusciti a identificare delle molecole attive, per le quali l'efficacia sul potenziale rigenerativo dei cheratinociti è stata dimostratain vitro su modelli di pelle ricostituita. Il primo prodotto a beneficiare di tali progressi scientifici è stato Absolue Precious Cells di Lancôme, lanciato nel settembre 2009. Vi è anche un altro ambito di ricerca, che si concentra invece sui capelli: la comprensione dei meccanismi che portano all'ingrigimento e alla caduta dei capelli. Per risolvere tali problemi, i ricercatori studiano in particolare la protezione dei melanociti e dei cheratinociti staminali, che tendono a scomparire progressivamente con l'età.

Proteggere per rigenerare


Cellule staminali

I progressi decisivi già compiuti in questo campo costituiscono una risorsa fondamentale per i ricercatori L'Oréal. Per lottare contro l'invecchiamento della pelle, questi ultimi si adoperano per preservare l'ambiente delle cellule staminali, allo scopo di aumentare il loro potenziale rigenerativo, che diminuisce con l'età. Di conseguenza, i ricercatori sono riusciti a identificare delle molecole attive, per le quali l'efficacia sul potenziale rigenerativo dei cheratinociti è stata dimostratain vitro su modelli di pelle ricostituita. Il primo prodotto a beneficiare di tali progressi scientifici è stato Absolue Precious Cells di Lancôme, lanciato nel settembre 2009. Vi è anche un altro ambito di ricerca, che si concentra invece sui capelli: la comprensione dei meccanismi che portano all'ingrigimento e alla caduta dei capelli. Per risolvere tali problemi, i ricercatori studiano in particolare la protezione dei melanociti e dei cheratinociti staminali, che tendono a scomparire progressivamente con l'età.