Un congresso a basse emissioni a Seul
Research & Innovation

In occasione del 22° Congresso Mondiale di Dermatologia, svoltosi nel maggio 2011 a Seul, il Gruppo ha potuto presentare i propri valori improntati alla responsabilità ecologica e sociale. Il programma prevedeva la riduzione dell'impronta di carbonio e la cerimonia di premiazione.

Il 22° Congresso Mondiale di Dermatologia a Seul

L'evento


Il Congresso di Dermatologia ha costituito un'occasione unica per presentare rivoluzionarie innovazioni scientifiche nell'ambito della pigmentazione e dell'invecchiamento della pelle, creando al contempo nuovi legami con ben 8.000 professionisti presso gli stand L'Oréal e durante i simposi scientifici organizzati dal Gruppo.

L'Oréal ha svolto un ruolo fondamentale durante l'evento. Con l'assegnazione dei primi premi per la responsabilità sociale nella dermatologia, momento clou del Congresso, L'Oréal ha voluto ulteriormente sottolineare il proprio impegno a promuovere progetti dedicati esclusivamente al benessere dei pazienti. I cinque vincitori hanno quindi ricevuto delle borse di studio del valore di 15.000 dollari per aiutarli a proseguire i propri progetti in settori quali l'educazione, l'accesso all'assistenza sanitaria, l'integrazione sociale e la formazione di professionisti sanitari.

Un'impronta di carbonio al servizio dei valori ecologici


Il Congresso ha rappresentato inoltre per il Gruppo un'opportunità ideale per dimostrare ancora una volta il proprio attaccamento ai valori ambientali, grazie a un Villaggio L'Oréal di 10.000 metri quadri, progettato in modo completamente ecocompatibile. Fedele al suo impegno di ridurre le emissioni CO2, al termine dell'evento L'Oréal ha calcolato l'impronta di carbonio di tutte le attività legate al Congresso Mondiale di Dermatologia: ristorazione, comunicazione, sede e decorazioni, trasporto di persone e beni e alloggio. L'idea era naturalmente confrontare tali risultati con l'impronta di carbonio del precedente Congresso del 2007. La fase successiva sarà invece prevedere miglioramenti per il prossimo Congresso, che si svolgerà a Vancouver nel 2015.

Risultati incoraggianti


Durante il Congresso del 2011 le emissioni complessive sono state pari a 1.600 tonnellate di CO2 equivalente: L'Oréal ha dunque ridotto del 40% le proprie emissioni di carbonio rispetto all'edizione 2007 del Congresso, in cui secondo le stime sono state prodotte 2.600 tonnellate di CO2 equivalente.

Vi è poi un dato meno significativo, ma comunque degno di nota: persino le emissioni di carbonio degli stand sono diminuite nel 2011, anche se la loro superficie era uguale a quella del Villaggio L'Oréal del 2007. Si è passati dalle 290 tonnellate di CO2 equivalente nel 2007 alle 210 tonnellate nel 2011, una riduzione dovuta in particolare alla realizzazione di stand riutilizzabili. Inoltre si è consumata meno energia e si sono utilizzate attrezzature riciclabili (per l'illuminazione, ad esempio), il che ha diminuito le emissioni totali.

Infine, le emissioni legate alle attività di comunicazione sono state dimezzate tra il 2007 e il 2011, grazie a una notevole riduzione dei campioni e degli oggetti prodotti: 1 tonnellata di documentazione nel 2011 contro le 6,5 del 2007, 4,5 tonnellate di articoli promozionali nel 2011 contro le 10 del 2007 e 6 tonnellate di campioni nel 2011 contro le 12 del 2007.

Sono state identificate aree di miglioramento


Nonostante l'impronta di carbonio complessiva di L'Oréal in occasione del Congresso Mondiale di Dermatologia si sia rivelata un successo, è stata anche osservata una stagnazione in altri ambiti, come l'intrattenimento serale e gli snack, che non hanno registrato significativi miglioramenti rispetto al 2007. Inoltre tale analisi ha consentito all'azienda di concentrare i propri sforzi nei settori in cui le emissioni sono aumentate tra l'edizione 2007 e 2011, come i servizi di alloggio e ristorazione, passati dalle 85 tonnellate di CO2 equivalente nel 2007 alle 90 del 2011.

Qual è la ragione di tale aumento? Sebbene l'impronta di carbonio legata alla ristorazione sia stata ridotta grazie all'utilizzo di pietanze preparate con materiali sostenibili e prodotti stagionali locali, quella degli alberghi ha registrato un deciso aumento. Tale fenomeno è stato dovuto in particolare al mix energetico della Corea del Sud, che ha avuto naturalmente un impatto maggiore rispetto a quello argentino del 2007. Per non parlare del fatto che nel 2011 il numero di pernottamenti alberghieri è stato molto più elevato...

Ancor più ecocompatibile nel 2015


  • Un
  • Jean-Paul Agon e Hee Chul Eun, presidente del 22° Congresso Mondiale di Dermatologia
  • Un evento unico nel mondo della scienza e della cittadinanza d'impresa ecologica
  • Il 22° Congresso Mondiale di Dermatologia si è svolto a Seul nel maggio 2011

I dati sono chiari. Le misure in favore della riduzione dell'impronta di carbonio, adottate in seguito al Congresso del 2007, hanno dato frutto. In secondo luogo, grazie alla valutazione effettuata nel 2011, L'Oréal ha soprattutto potuto identificare settori suscettibili di miglioramento nel 2015, come l'intrattenimento durante la serata L'Oréal, allo scopo di ridurre ulteriormente la sua impronta di carbonio. Saranno dunque elaborate istruzioni specifiche in tal senso e si effettuerà un lavoro preliminare in collaborazione con il team responsabile del Congresso Mondiale di Dermatologia del 2015, per dar vita a un evento ancor più ecocompatibile...

Cifre principali

  • 40%: riduzione delle emissioni CO2 rispetto al 2007
  • 6,5 volte meno documenti stampati rispetto al 2007


  • Un
  • Jean-Paul Agon e Hee Chul Eun, presidente del 22° Congresso Mondiale di Dermatologia
  • Un evento unico nel mondo della scienza e della cittadinanza d'impresa ecologica
  • Il 22° Congresso Mondiale di Dermatologia si è svolto a Seul nel maggio 2011

Sezione Esperti

Per ulteriori informazioni su questo argomento, consulta i dati GRI (Global Reporting Initiative):