L'Oréal USA: l'unione fa la forza
Environment

Realizzata in collaborazione con l'Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente, la sfida "I've got the power" è riuscita a entusiasmare i dipendenti di L'Oréal USA.

Pam ALABASTER, Director of Corporate Communications, Sustainable Development and Public Affairs

Testimonianza


Hypnôse Precious Cells Lancôme

Pam Alabaster, direttrice responsabile delle Comunicazioni Aziendali, dello Sviluppo Sostenibile e degli Affari Pubblici di L'Oréal USA, ha presentato il progetto. "Per un periodo di sei mesi a partire dal 1° agosto 2011, i dipendenti di L'Oréal USA che lavorano presso la sede di New York sono stati invitati a partecipare alla sfida 'I've got the power' in favore del risparmio energetico, realizzata in collaborazione con l'Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente (EPA, Environmental Protection Agency).

L'idea del progetto è nata analizzando alcuni dati di fatto: negli Stati Uniti il 45% dei gas a effetto serra è prodotto dai locali aziendali; inoltre, secondo le stime, il 30% dell'energia utilizzata in tali edifici viene sprecata. La sfida mirava dunque a diminuire i consumi energetici della sede L'Oréal USA premiando il piano dell'edificio in grado di ottenere il maggior tasso di riduzione.

In quest'ottica ai partecipanti sono stati ricordati i semplici gesti capaci di evitare lo spreco di energia, come spegnere le luci e i computer quando si abbandonano le postazioni di lavoro e gli uffici.

È stata inoltre creata una pagina Facebook allo scopo di sensibilizzare i partecipanti all'iniziativa. Ma questa sfida è stata soltanto una delle numerose misure in favore del risparmio energetico adottate da L'Oréal USA, come l'installazione di pannelli solari negli stabilimenti di Piscataway e Franklin e l'uso di energia idroelettrica e di illuminazione a LED. Nel 2011, in anticipo sui tempi previsti, tali iniziative hanno consentito alla filiale di ridurre del 46% le emissioni di gas a effetto serra."

Sezione Esperti

Per ulteriori informazioni su questo argomento, consulta i dati GRI (Global Reporting Initiative):