I fornitori, protagonisti della strategia L'Oréal
Social and Societal Responsability

Questo progetto consiste nel trasferimento dei macchinari e del personale del fornitore nei locali dello stabilimento di produzione L'Oréal: un approccio completo, in linea con gli obiettivi di L'Oréal in termini di sviluppo sostenibile.

  • Risultati immediati... con Imédia

  • On the Settimo site, substantial savings in CO2

    On the Settimo site, the production of bottles near the packaging chain results in substantial savings in CO2.

  • Nel 2011 L'Oréal Canada ha incrementato le sue iniziative a favore dell'ambiente

    Nel 2011 L'Oréal Canada ha incrementato le sue iniziative a favore dell'ambiente.

  • E allo stabilimento di San Paolo in Brasile

    E allo stabilimento di San Paolo in Brasile.

La produzione "In-house" consiste nel trasferimento dei macchinari e del personale del fornitore nei locali dello stabilimento di produzione L'Oréal.

Tale organizzazione, che richiede un notevole volume di produzione previsto per giustificare gli ingenti investimenti compiuti, si adatta perfettamente alla produzione di cosmetici su larga scala e alla specializzazione tecnologica degli stabilimenti L'Oréal. Il processo si applica a un packaging semplice, caratterizzato da una linea di produzione ridotta, facile da trasferire in una struttura già esistente.

L'Oréal ha avviato la produzione "In-house" per la prima volta nel 2010. Tra gli articoli interessati, i flaconi di plastica dei prodotti per capelli delle gamme Elvive e Fructis destinati al mercato europeo e fabbricati rispettivamente a Rambouillet e a Settimo. Attualmente questo modello è applicato in cinque stabilimenti: Rambouillet in Francia, Libramont in Belgio, Settimo in Italia, Florence negli Stati Uniti e San Paolo in Brasile. Nel 2012 più di un miliardo di prodotti finiti saranno realizzati secondo tale principio.

L'Oréal intende inaugurare due nuovi stabilimenti di questo tipo entro la fine del 2012, in Polonia e in Messico, e sta studiando la possibilità di introdurre il sistema in altri centri di produzione.

Testimonianza


Christophe GUESNET, direttore Acquisti

Christophe GUESNET, direttore Acquisti

Christophe Guesnet, direttore generale degli Acquisti, condivide la propria opinione sull'esperimento "In-house" condotto da L'Oréal.

"In termini di impatto ambientale diretto, il sistema 'In-house' elimina il trasporto su strada dei flaconi vuoti e di tutto il relativo packaging, soprattutto dei pallet. Per la catena di fornitura, la vicinanza della struttura di produzione dei flaconi, situata presso il centro di riempimento, consente una pianificazione più flessibile, adattata alle esigenze quotidiane. Un flacone può così lasciare la linea di produzione la mattina ed essere subito riempito. Gli stock sono quindi ridotti al minimo e produciamo alcune gamme di articoli con la tecnica del just-in-time. Inoltre tali prodotti sono realizzati grazie a investimenti innovativi dal punto di vista della produzione industriale e migliorano la performance economica.

Il sistema 'In-house' è un progetto completo, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile del Gruppo."

Sezione Esperti

Per ulteriori informazioni su questo argomento, consulta i dati GRI (Global Reporting Initiative):