QUINDICESIMA EDIZIONE DEL PREMIO L'ORÉAL-UNESCO "PER LE DONNE E LA SCIENZA" Ricerca & Innovazione

L’ORÉAL ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER L’UNESCO PREMIANO SEI GIOVANI RICERCATRICI ITALIANE
4 ricercatrici su 6 tornano nel nostro Paese grazie alla Borsa di Studio
76 il totale delle ricercatrici premiate in Italia dal 2002

For Women In Science
For Women In Science

Milano, 12 giugno 2017 – Si è tenuta questa mattina, presso la Sala di Rappresentanza dell’Università degli Studi di Milano, la quindicesima cerimonia di premiazione “L’Oréal Italia per le Donne e la Scienza”, iniziativa che vede L’Oréal e UNESCO insieme nella promozione della ricerca scientifica al femminile.

Alla cerimonia hanno preso parte: Francois-Xavier Fenart, Presidente e Amministratore delegato di L’Oréal Italia, Enrico Vicenti, Segretario Generale della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, Francesca Brianza, Assessore al Reddito Autonomia e Inclusione Sociale della Regione Lombardia, Roberta Cocco, Assessore alla trasformazione digitale e Servizi civici del Comune di Milano, Daniela Candia, Prorettore vicario dell’Università degli Studi di Milano e Lucia Votano, il nuovo Presidente della Giuria, fisico e già Direttore dei Laboratori del Gran Sasso, prima donna a ricoprire tale incarico. Eliana Liotta, giornalista e scrittrice ha presentato l’evento.

Quest’anno sono sei le borsiste premiate che, distintesi per i loro progetti di ricerca, hanno ricevuto una borsa di studio del valore di 20.000 ciascuna.

Il bando di concorso questa edizione ha raccolto ben oltre 450 candidature da tutta Italia, raggiungendo un numero record di progetti presentati, a testimonianza del valore dell’iniziativa, non solo a livello locale ma anche internazionale. Molte delle ex borsiste, infatti, hanno potuto affermarsi anche all’estero, confermando la già nota eccellenza italiana in campo scientifico.

La giuria, dopo un’attenta valutazione ha selezionato le sei più meritevoli, che potranno ricevere così un sostegno concreto per proseguire nella loro carriera professionale, portando un ulteriore contributo al progresso scientifico.

Le sei borsiste italiane

Ecco le sei vincitrici che si sono distinte per i loro progetti di ricerca nel campo delle Scienze della Vita e della Materia, ivi incluse Ingegneria, Matematica e Informatica. Accanto ai loro nomi gli istituti che ospiteranno i progetti vincitori:

• Elena Calciolari – Medicina (Università degli Studi di Parma, Dipartimento di Medicina e Chirurgia, Centro di Odontoiatria)

• Domenica Farci – Biologia (Università degli Studi di Cagliari, Laboratorio di Fisiologia vegetale e Fotobiologia, Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente)

• Chiara Morosinotto - Biologia (Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Biologia)

• Chiara Nardon – Medicina (Università degli studi di Padova, Dipartimento di Scienze Chimiche)

• Francesca Sacco – Biologia (Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Dipartimento di Biologia)

• Alice Trivellini – Biologia (Scuola Superiore Sant’Anna, Pisa. Istituto di Scienze della Vita)

Francois-Xavier Fenart, Presidente e Amministratore delegato di L’Oréal Italia, commenta: “Sono onorato di premiare oggi queste sei giovani ricercatrici di talento. Per noi, questo evento è ben più di una cerimonia, è una promessa: la promessa di scoprire il pieno potenziale della scienza grazie allo straordinario contributo delle donne. Ogni anno, in occasione di questa cerimonia, ribadiamo il nostro impegno verso la scienza -che è parte del DNA di L’Oréal– e verso le donne nella scienza. Attivo da 19 anni e con oltre 2.800 ricercatrici premiate in 115 paesi, il programma L’Oréal-Unesco For Women in Science resta unico e ineguagliato. L’Italia ha dato e continua a dare un importante contributo al Programma. In quindici anni abbiamo assegnato 76 borse di studio, ne abbiamo aumentato il valore da 15.000 a 20.000 euro e quest’anno abbiamo deciso di assegnarne una in più passando quindi da 5 a 6. Perché siamo convinti che le donne nella ricerca possono cambiare il mondo”

Prosegue Enrico Vicenti, Segretario Generale della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO. “Eliminare gli stereotipi di genere e rendere accessibile la partecipazione delle donne all’ambito scientifico a tutti i livelli sono obiettivi centrali del nostro progetto. Attualmente le donne, secondo l’ultimo Rapporto Scientifico UNESCO, costituiscono il 53% dei laureati (laurea triennale e magistrale) a livello globale, ma il loro numero diminuisce drasticamente nei dottorati di ricerca (43%). Man mano che si sale nel sistema della ricerca, si assiste ad una diminuzione della partecipazione femminile: le donne sono soltanto il 28% dei ricercatori a livello globale. Con il premio L’Oréal-UNESCO vogliamo dare alle nuove generazioni sempre più esempi di donne che abbiano carriere di successo nella scienza.”

Nato nel 1998 su iniziativa di L’Oréal e UNESCO, “For Women in Science” è stato il primo premio internazionale dedicato alle donne che operano nel settore scientifico. Oggi si inserisce nell’ambito di un vasto programma incentrato sulla promozione della vocazione scientifica a livello internazionale e volto a riconoscere l’operato delle ricercatrici di tutto il mondo. Fin dalla sua nascita, il programma “For Women in Science” ha scelto di premiare con un contributo di 100.000 $ cinque candidate, una per ciascuno dei cinque continenti. Questo impegno su scala globale è stato rafforzato dalla creazione di borse di studio. Infatti, oltre ai premi alle 5 laureate, sono attribuite ogni anno 15 Borse internazionali e numerose borse di studio nazionali a giovani ricercatrici. Dal 1998 a oggi sono state sostenute nel loro percorso di carriera ben 2.820 ricercatrici in 115 Paesi. In Italia il programma “L’Oréal Italia Per le Donne e la Scienza” è giunto alla sua quindicesima edizione. Le 6 borse di studio hanno un valore di 20.000 euro. Fino ad ora sono state assegnate 76 borse di studio ad altrettante scienziate. La Giuria presieduta da Lucia Votano (Fisico, Dirigente di Ricerca INFN), è composta da: Enrico Alleva (Etologo, Dirigente di Ricerca e Direttore del Centro di Riferimento per le Scienze comportamentali e la Salute mentale, Istituto Superiore di Sanità), Mauro Anselmino (Professore di Fisica Teorica, Università degli Studi di Torino), Maria Benedetta Donati (Capo del Laboratorio di Medicina Traslazionale, Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione, IRCCS NEUROMED di Pozzilli (IS), Cristina Emanuel (Direttore Scientifico e regolamentare L’Oréal Italia), Federica Migliardo (Professore di Fisica Sperimentale, Dipartimento di Scienze Chimiche, Biologiche, Farmaceutiche e Ambientali, Università di Messina) Marcella Motta (Già Professore di Fisiologia, Università degli Studi di Milano. Membro effettivo dell’Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere) e Mauro Ceruti (Professore di Filosofia della Scienza, Università IULM di Milano). Il bando per l’edizione 2017/2018, il regolamento e la domanda di ammissione saranno disponibili dal 15 ottobre 2017 sul sito www.loreal.it