Un programma mondiale di acquisti solidali per promuovere l'inclusione sociale Il Gruppo


Attraverso il programma Solidarity Sourcing, L'Oréal desidera promuovere l'inclusione sociale aiutando le persone che si trovano in una situazione economica difficile a trovare lavoro e una fonte di reddito in Francia e in tutti i Paesi in cui è presente il Gruppo.

Clichy, 4 giugno 2012 -Attraverso il programma Solidarity Sourcing, L'Oréal desidera promuovere l'inclusione sociale aiutando le persone che si trovano in una situazione economica difficile a trovare lavoro e una fonte di reddito in Francia e in tutti i Paesi in cui è presente il Gruppo.

Il programma Solidarity Sourcing di L'Oréal ha preso il via nel 2012 e si ispira ai valori di sviluppo sostenibile e commercio equo promossi da The Body Shop. Questa iniziativa, attuata su scala mondiale, si basa su un approccio trasversale e ha già permesso a 14.000 persone di trovare un impiego con i fornitori e i partner di L'Oréal.

Con Solidarity Sourcing, la catena di acquisto del Gruppo si apre a nuove categorie di fornitori, per includere coloro che non hanno accesso alle grandi ditte di appalto o che impiegano persone ai margini del mercato del lavoro. Tutti i 600 addetti agli acquisti del Gruppo sono coinvolti, garantendo così un accompagnamento e un sostegno allo sviluppo economico di queste aziende, che vengono incluse a tutti gli effetti tra i fornitori regolari.

Il programma è rivolto a produttori del settore equo e solidale, aziende impegnate sul fronte dell'inclusione sociale e dell'integrazione di persone disabili, microimprese, PMI e aziende detenute da minoranze etnico-sociali (nel rispetto della normativa vigente nel Paese).

"Sono convinto che un'azienda di successo debba puntare ad avere un impatto sociale positivo", spiega Jean-Paul Agon, presidente e CEO L'Oréal. "È proprio questo l'obiettivo con cui portiamo avanti il programma Solidarity Sourcing, pensato per fare leva sul nostro potere d'acquisto allo scopo di promuovere l'inclusione sociale. Estendendo la nostra collaborazione a nuove categorie di fornitori, questi valori sociali diventano parte integrante del nostro modello aziendale".

Progetti nel mondo

Il programma Solidarity Sourcing, diretto da Chea Lun, coinvolge tutti i Paesi in cui il Gruppo è presente.

In Cina, ad esempio, ha permesso di sostenere le attività della ditta di subappalto Ruo Lin, una filiale di Servigest in Spagna, che opera nel settore degli imballaggi e impiega persone disabili. Ruo Lin conta oggi 32 collaboratori.

In Francia, invece, il programma si inserisce all'interno dei lavori di modernizzazione e ampliamento della sede centrale di L'Oréal a Clichy: le imprese di costruzione mettono a disposizione il 5% del totale delle ore di lavoro per impiegare persone disabili, giovani non qualificati e disoccupati di lunga durata. In collaborazione con "Maison de l'Emploi" a Clichy, L'Oréal ha creato un centro di collocamento e adottato nuove disposizioni in materia di subappalto per sostenere organizzazioni, aziende impegnate sul fronte dell'inclusione sociale e dell'integrazione di persone disabili e microimprese locali.

"L'esclusione sociale è un problema sentito in tutto il mondo, sia al Nord che al Sud", afferma Chea Lun, direttrice del programma. "È una piaga sociale che tocca tanto i Paesi emergenti quanto le economie sviluppate".

Informazioni su L'Oréal

L'Oréal, la principale multinazionale cosmetica del mondo, si occupa da oltre 100 anni della promozione della bellezza in ogni sua forma e ha costruito un portafoglio di 27 marchi internazionali, variegati e complementari che non teme confronti. Con un fatturato pari a 20,3 miliardi di euro nel 2011, L'Oréal dà impiego a 68.900 persone in tutto il mondo. Per quanto riguarda lo sviluppo sostenibile, Corporate Knights, una rete globale specializzata in investimenti sostenibili, ha selezionato L'Oréal per la sua classifica del 2012 delle 100 multinazionali più sostenibili al mondo. L'Oréal ha ricevuto questo riconoscimento per il quinto anno consecutivo. www.loreal.com

Cifre principali

  • Fondi disponibili: tra 35.000 e 3 milioni di euro
  • 14.000 persone percepiscono un reddito diretto
  • Circa 100 iniziative in oltre 40 Paesi
  • Ad oggi i marchi del Gruppo L'Oréal, incluso The Body Shop, hanno registrato acquisti solidali per un totale di 50 milioni di euro .

Per saperne di più:
Solidarity Sourcing – Acquisti solidali per promuovere l'inclusione sociale
> Guarda il video