L'Oréal: Sanofi e Synthélabo si preparano alla fusione: Elf Aquitaine e L'Oréal deterranno rispettivamente il 35,1% e il 19,4% delle azioni del nuovo gruppo Il Gruppo

  • Elf Aquitaine e L'Oréal annunciano il piano di fusione delle loro filiali farmaceutiche in una nuova azienda che prenderà il nome di Sanofi-Synthélabo.

  • Elf Aquitaine e L'Oréal deterranno rispettivamente il 35,1% e il 19,4% del capitale del nuovo gruppo.

  • Elf Aquitaine e L'Oréal firmano un accordo al fine di assicurare la stabilità azionaria del nuovo gruppo.

  • Sanofi-Synthélabo sarà il sesto gruppo farmaceutico in Europa e farà parte dei primi venti al mondo:
         * Sanofi e Synthélabo presentano una forte complementarità nelle aree terapeutiche del sistema nervoso centrale, del sistema cardiovascolare, dell'oncologia e della medicina interna.
         * Il nuovo gruppo confermerà l'attuale trend di crescita degli utili con eccellenti prospettive a lungo termine.
         * I costi combinati pro-forma di ricerca e sviluppo delle due società ammonteranno nel 1998 a circa 6 miliardi di franchi francesi.

I Consigli di Amministrazione di Elf Aquitaine ("ELF" nell'indice NYSE) e di L'Oréal hanno approvato oggi il progetto di fusione delle loro filiali farmaceutiche Sanofi e Synthélabo in un nuovo gruppo denominato Sanofi-Synthélabo. La fusione risponde alla volontà delle due società madri di costituire un importante gruppo farmaceutico.

Con un fatturato pro-forma di circa 35 miliardi di franchi francesi per l'esercizio 1998, la nuova entità sarà il sesto gruppo farmaceutico in Europa e farà parte dei primi venti su scala internazionale. Sanofi-Synthélabo disporrà di strumenti potenziati per svilupparsi sul mercato statunitense. Il nuovo gruppo potrà contare su un eccellente portafoglio di prodotti esistenti e su una capacità rafforzata di ricerca e sviluppo, sia in termini di budget che di prodotti in elaborazione.

La fusione sarà realizzata tramite l'assorbimento di Sanofi e Synthélabo in una nuova azienda, Sanofi-Synthélabo, che verrà quotata sulla borsa di Parigi. Agli azionisti Sanofi e Synthélabo detentori di azioni nominative da oltre due anni sarà accordato il doppio diritto di voto.

Sulla base di un rapporto di cambio pari a 13 azioni Sanofi per 10 azioni Synthélabo, Elf Aquitaine e L'Oréal deterranno rispettivamente il 35,1% e il 19,4% del capitale e circa il 45% e il 25% dei voti nel nuovo gruppo. Ogni azienda contabilizzerà i risultati della propria filiale nel nuovo gruppo all'interno del proprio bilancio consolidato secondo il metodo del patrimonio netto.

Allo scopo di garantire la stabilità del nuovo gruppo, Elf Aquitaine e L'Oréal firmeranno un accordo valido per un periodo di almeno sei anni, impegnandosi a consultarsi reciprocamente e a prendere decisioni comuni in merito a importanti scelte riguardanti Sanofi-Synthélabo. Durante questo periodo resta inteso che Elf Aquitaine e L'Oréal deterranno entrambe approssimativamente il 20% del capitale del nuovo gruppo. Le azioni supplementari detenute da Elf Aquitaine non sono sottoposte all'accordo, sebbene esse non siano a oggi coinvolte in alcun progetto di vendita.

Su un totale di 12 membri, Elf Aquitaine e L'Oréal nomineranno rispettivamente quattro e tre membri del Consiglio di Amministrazione del nuovo gruppo. È stato anticipato che Jean-François Dehecq e Hervé Guérin saranno proposti rispettivamente come presidente e CEO e vicepresidente e direttore operativo della nuova azienda e che entrambi faranno parte del Consiglio di Amministrazione.

Il completamento della fusione sarà subordinato all'accordo da parte delle autorità competenti e all'accordo espresso dagli azionisti Sanofi e Synthélabo in occasione delle assemblee straordinarie che si terranno i primi di maggio. Elf Aquitaine e L'Oréal si sono impegnate a votare a favore della fusione. Saranno svolte tutte le necessarie procedure relative alle organizzazioni di rappresentanza del personale.

Le autorità di sorveglianza della borsa francese hanno sottoposto il progetto a verifica ed esentato Elf Aquitaine e L'Oréal dall'obbligo di emettere un'offerta pubblica sul nuovo gruppo qualora la fusione venga realizzata.

Philippe Jaffré, presidente e CEO di Elf Aquitaine, ha affermato: "Questa operazione rispecchia le decisioni strategiche prese dal Consiglio di Amministrazione di Elf Aquitaine a dicembre 1996 con l'obiettivo di accelerare lo sviluppo di Sanofi e far crescere la sua redditività. Da allora lavoriamo con il management Sanofi per trovare il partner più adatto. L'Oréal è una controparte eccellente e la fusione con la sua filiale darà luogo a un'azienda farmaceutica con un enorme potenziale di sviluppo. Sanofi-Synthélabo creerà valore per tutti i suoi azionisti e per gli azionisti Elf Aquitaine, tramite la nostra partecipazione nel nuovo gruppo".

Lindsay Owen-Jones, presidente e CEO L'Oréal, ha dichiarato quanto segue: "Le due aziende, che operano nella stessa area di business, sono perfettamente complementari in termini di portafoglio prodotti, progetti di ricerca e sviluppo e presenza geografica. La qualità delle loro rispettive unità di ricerca, la forte posizione di entrambe in Europa, la stabilità della loro situazione finanziaria e del loro azionariato costituiscono una base solida, a partire dalla quale il nuovo gruppo potrà svilupparsi per divenire uno dei principali attori mondiali dell'industria farmaceutica. Siamo convinti che Sanofi-Synthélabo ci permetterà di incrementare il valore della nostra partecipazione in questo settore".