Glossario

A  B   C  D   E  F  G   H   I  J  K   L   M  N   O   P  Q   R   S   T   U  V  W  X  Y  Z

A

Antimicotico: sostanza in grado di eliminare funghi e lieviti che causano infezioni fungine.

C

Celiachia: malattia causata da un'intolleranza permanente a diverse frazioni proteiche del glutine contenute in varie categorie di cereali quali grano (frumento e farro), orzo e segale.

 

Comitato Scientifico per la Sicurezza del Consumatore dell’Unione Europea: il comitato formula pareri riguardanti qualunque tipo di rischio sanitario e inerente alla sicurezza (rischi chimici, biologici, meccanici e altri rischi fisici) generato da prodotti di largo consumo non alimentari (ad esempio: prodotti cosmetici e loro ingredienti, prodotti per l’igiene personale) e servizi al consumatore (es. tatuaggi, abbronzatura artificiale, ecc.) http://ec.europa.eu/health/scientific_committees/consumer_s/

 

Contaminazione microbica: l’eccessiva presenza di microbi e batteri, alcuni dei quali sono agenti patogeni per gli esseri umani.

 

Cosmetics Europe: associazione europea del settore della cosmesi, prodotti cosmetici e profumi, che rappresenta gli interessi di oltre 4.000 aziende in Europa. https://www.cosmeticseurope.eu/about-cosmetics-europe.html

 

Cosmetovigilanza: la continua attività di monitoraggio e analisi degli effetti avversi per la salute generati da un prodotto cosmetico.

E

Estrogeni: ormoni femminili secreti dalle ovaie, deputati al controllo della fase ovulatoria (es.: estradiolo).

H

Hormone:Biological substance produced by special cells and secreted in the blood, which transmits messages within the body and affects how the organs work. Hormones are needed to regulate the functioning of the body.

Hormone receptor:is a protein to which a specific hormone can bind. The latter plays the role of a signal (stimulus) that triggers a hormonal process in response.

I

IFRA: International Fragrance Association, associazione mondiale delle industrie profumiere. http://www.ifraorg.org/

 

In silico: espressione che indica test in cui vengono applicati modelli matematici.

 

In vitro: espressione che designa qualsiasi esperimento biologico eseguito non direttamente sull’organismo vivente. Contrario di in vivo.

 

Innocuità: caratteristica di ciò che non produce effetti tossici o nocivi.

M

Materie prime: qualsiasi sostanza di origine vegetale, animale, minerale o artificiale utilizzata nella produzione di ingredienti contenuti nei prodotti cosmetici.

O

Ormone: sostanza biologica prodotta da specifiche cellule e secreta nel sangue, la quale è deputata a trasmettere segnali al corpo influenzando così l’attività degli organi. Gli ormoni sono fondamentali per regolare il funzionamento dell’organismo.

 

Ossidazione (ossidoriduzione/redox): reazione chimica che si manifesta in presenza di ossigeno, in cui un elemento chimico (definito "agente riducente") trasferisce un elettrone ad un atomo di ossigeno appartenente ad un elemento chiamato "agente ossidante".

P

Pericolo intrinseco: la capacità propria di una sostanza di recare danno alle persone o all’ambiente. Da non confondersi con il rischio, ovvero la probabilità che il danno accada e quindi dipendente dall’esposizione al pericolo.

 

Prodotti a risciacquo: prodotti cosmetici che necessitano di risciacquo con acqua in seguito all’applicazione.

 

Prodotto senza risciacquo: prodotto cosmetico che rimane a contatto con la pelle o i capelli per un tempo prolungato.

Proteina: macromolecola costituita da una catena di amminoacidi e prodotta dalle cellule (il termine "proteina" deriva dal greco "prôtos", ossia "primo").

 

Protezione microbiologica: l’insieme dei processi che prevengono la proliferazioni di batteri, funghi e altri microorganismi nel prodotto.

R

Recettore ormonale: proteina in grado di legarsi ad uno specifico ormone. Quest’ultimo trasmette un segnale (stimolo) che induce l’attivazione di un processo ormonale.

 

Rischio: la probabilità che un evento avverso si verifichi a causa di un pericolo intrinseco. Il rischio non deve essere confuso con il pericolo. Ad esempio, sebbene una sostanza abbia proprietà pericolose, il rischio per la salute dell’uomo o per l’ambiente può essere controllato attraverso il controllo dell’esposizione a tale sostanza.

S

Cosmetic Product Information File: nell’ambito della regolamentazione europea sui prodotti cosmetici, il soggetto responsabile di immettere sul mercato un prodotto cosmetico (il produttore o l’importatore) deve garantire la sicurezza del consumatore. Al soggetto è pertanto richiesta la redazione di un “dossier” per ciascun prodotto cosmetico immesso sul mercato, che deve essere reso disponibile alle autorità competenti. Il dossier o Product Information File contiene tutte le informazioni necessarie relative a qualità, formula, materie prime e valutazione della sicurezza del prodotto rilasciata da un esperto (es.: tossicologo).

 

Sostanza sintetica: un composto prodotto dall’uomo utilizzando una reazione chimica.

T

Tensioattivi: sostanze che riducono la tensione superficiale tra corpi (ad esempio due liquidi o un solido e un liquido), contribuendo quindi a rendere i prodotti cosmetici emulsionanti, schiumogeni e/o bagnanti.

 

Test clinici: test  cui viene sottoposto un prodotto prima di essere commercializzato e svolti su volontari sani rappresentativi di uno specifico gruppo di consumatori allo scopo di verificare l’innocuità del prodotto.

 

Test in vivo: espressione che designa qualsiasi esperimento biologico o reazione riprodotti sull’essere vivente. Contrario di in vitro.

 

Test predittivi: si veda "Valutazione predittiva".

 

Tossicologia: scienza che studia le sostanze tossiche, in particolare le fonti e i veicoli di contaminazione, nonché gli effetti delle tossine sugli organismi e i metodi per rilevare e prevenire tali effetti.

U

Ultravioletto (UV): intervallo dello spettro della radiazione solare caratterizzato da lunghezze d’onda inferiori ma molto potenti e per tanto in grado di causare danni all’epidermide e al derma.

 

V

Valutazione predittiva: la valutazione predittiva è utilizzata per garantire la sicurezza e l’efficacia dei prodotti cosmetici e dei relativi ingredienti, prima che questi vengano sintetizzati artificialmente, e senza sperimentazione in vivo. Costituisce un approccio globale che applica insiemi di dati esistenti ed è supportata da strumenti e tecniche come i modelli di pelle umana ricostruita, modelling molecolare, procedure statistiche e di imaging.