Il nostro programma etico

Il nostro programma etico è volontario, proattivo e evolve seguendo la crescita del Gruppo. È gestito da un'apposita organizzazione ed è applicato tramite un sistema completo di controllo, dotato di strumenti capaci di integrare l'etica nella realtà quotidiana.

Logo L'Oréal Ethics
Logo L'Oréal Ethics

Il nostro programma etico è volontario, proattivo e accompagna la crescita del Gruppo. È gestito da un'apposita organizzazione ed è applicato tramite un sistema completo di controllo e strumenti capaci di integrare l'etica nella realtà quotidiana di L'Oréal.

Più di dieci anni fa, il Gruppo ha cominciato a formalizzare il proprio Codice etico, arricchito negli anni con integrazioni riguardanti vari temi specifici. È stato definito con chiarezza un quadro di riferimento per le iniziative e sono stati sviluppati strumenti volti a potenziare le competenze e gli standard del Gruppo in questi settori.

Un'organizzazione apposita


Dal 2007 un Chief Ethics Officer ha il compito di rafforzare e attuare una politica ambiziosa, in linea con la crescita di L'Oréal. Il ruolo delChief Ethics Officer incaricato dell'Etica consiste nell'affiancare i consiglieri di amministrazione e i manager nel processo decisionale e nel promuovere i principi e le migliori prassi definite nel Codice etico e nelle sue successive integrazioni. Il Chief Ethics Officer può contare su una rete mondiale di 57 referenti etici locali, il cui compito è coadiuvare i Country Manager, aiutandoli ad applicare il Programma etico di L'Oréal. Ogni anno tale rete è rafforzata, in modo che i team locali possano rivolgersi ad un referente locale. Il Country Manager è responsabile del rispetto del Codice etico nel proprio Paese.

ATTUAZIONE MEDIANTE TRE LEVE STRATEGICHE


L'attuazione del programma etico di L'Oréal si fonda su tre leve principali.

  • Un sistema di direzione e controllo che comprende strumenti per l'analisi e la valutazione dei rischi etici, un sistema di reporting per Paese e audit regolari.


  • Sensibilizzazione e impegno per promuovere la partecipazione di tutti i dipendenti del Gruppo sul tema dell'etica.
  • Promozione di una cultura del dialogo e della trasparenza: la politica dell'"Open Talk" incoraggia i dipendenti a condividere le proprie opinioni, esprimere il proprio parere e segnalare richieste e comportamenti inaccettabili. In via eccezionale, qualora non fosse possibile gestire una situazione a livello locale, i dipendenti hanno la possibilità di contattare il Funzionario Capo incaricato dell'Etica, tramite un sito Internet protetto, attualmente disponibile in tedesco, arabo, inglese, coreano, spagnolo, francese, greco, ebraico, hindi, indonesiano, italiano, giapponese, cinese mandarino, polacco, portoghese e russo.